Loading...

Morgan disperato: “Ecco dove vivo, in uno sgabuzzino in mezzo agli insetti. Non sto più lavorando”

CONDIVIDI SU:

Nei mesi scorsi si era parlato molto di Morgan, delle gravi accuse lanciate dall’ex moglie Asia Argento e soprattutto dello sfratto dalla casa che ha abitato negli ultimi 20 anni circa. Per una lunga questione di mancati pagamenti proprio alla Argento, Morgan è stato costretto ad andare via dalla sua abitazione. La casa in cui ha scritto le canzoni che molti conoscono, la casa dove viveva, studiava e suonava.

Per alcune settimane successive allo sfratto, dell’ex leader dei Bluvertigo non si è più parlato. Ma ieri sera Morgan è stato ospite alla trasmissione di Radio Due “I Lunatici” e ha dato, come al solito, spettacolo. Fiumi di parole su diverse questioni, in particolare quella relativa alla sua nuova vita da “sfrattato”.

Marco Castoldi ha dichiarato di vivere attualmente in uno sgabuzzino a Chinatown “con un sacco di insetti”. Ma non solo: “Sto molto male. Non sono più lo stesso. La casa è il luogo di riparo, è importante, anzi è la cosa più importante che hai. Se hai freddo ti ripari in casa e sopravvivi. Questo vale per tutti. La mia casa, poi, era un’installazione di arte”.

Ora che Morgan non ci vive più, chi occupa la casa dell’artista? La mia casa è stata svenduta a 200mila euro, come valore di mercato è 700mila. L’ha comprata un maniaco, che ha voluto la mia casa perché è un mitomane. Mi hanno portato via con le armi. Io ho tutti lì, i miei progetti. Ero sempre in casa a studiare, mica sono come J-Ax o Fedez”.

Poi l’amara descrizione della situazione attuale: Vivo in uno sgabuzzino a Chinatown, a Milano, in mezzo agli insetti. E non sto più lavorando. Prima facevo un sacco di cose, ora niente“. Non manca qualche bordata al giudice che ha reso legale lo sfratto: “E’ il paladino degli sfratti, peggio del giudice della canzone di De Andrè”.

“Non è un giudice, non si sa come sia arrivato lì. Non fa il suo lavoro, non ce la fa”. In chiusura un attacco anche ai fan che gli chiedono una foto: “Vogliono tutti una fotografia. A volte rischiano di farsi investire se ti vedono dall’altro lato della strada. È grave questa cosa. Mi rompo i cogl**ni”. Un fiume in piena. (Fonte: https://news.fidelityhouse.eu)


CONDIVIDI SU:
Loading...

I commenti sono chiusi.