Confezioni di gamberi surgelati “positivi” al Coronavirus: “Scatta l’allarme per sospendere l’importazione”

A riferirlo è Quotidiano del Popolo di Pechino e la conferma arriva responsabili del Meccanismo congiunto di prevenzione e controllo dei rischi di epidemia. Sarebbero tre imballaggi esterni di gamberi prodotti da imprese dell’Ecuador quelli risultati positivi.

Secondo l’amministrazione generale delle dogane, le confezioni infette sarebbero tre di quelle giunte in territorio cinese il 3 luglio 2020.

I controlli sul pesce e al loro interni sono però risultati negativi, ma ciò non ha impedito a Pechino di non importarne più per qualche tempo. Inoltre hanno ordinato la restituzione o la distruzione dei gamberetti surgelati prodotti dalle tre società dell’Ecuador dopo il 12 marzo.

Secondo l’agenzia doganale si tratterebbe dei primi risultati positivi annunciati da Pechino da quando ha iniziato a effettuare analisi per verificare la presenza dell’infezione negli alimenti surgelati importati. Al 9 luglio 2020, i funzionari cinesi hanno fatto analizzare 227.934 prodotti della catena del freddo.

E i gamberi? Negativi. Pechino ha deciso di “cancellare la registrazione delle tre imprese ecuadoriane coinvolte, sospendendo l’importazione e l’esportazione dei prodotti di queste imprese e adottando misure per restituire o distruggere i prodotti temporaneamente bloccati”.

Aggiungi ai preferiti : permalink.