Loading...

Coronavirus, risultato positivo un giovane italiano tra i 30 e i 40 anni, adesso si trova nell’Istituto Spallanzani di Roma

CONDIVIDI SU:

L’uomo è in isolamento all’Istituto Spallanzani di Roma, dove sono ancora ricoverati in terapia intensiva i due turisti cinesi infettati e quattro pazienti sono in attesa di conoscere l’esito del test.

C’è un primo italiano positivo al coronavirus. E’ un uomo adulto rimpatriato da Wuhan che era in isolamento alla Cecchignola insieme agli altri 55 connazionali rientrati tre giorni fa. Dopo le analisi condotte sui tamponi è stato trasferito e messo in isolamento all’Istituto Spallanzani di Roma, dove sono ancora ricoverati in terapia intensiva i due turisti cinesi infettati. In serata l’Istituto superiore di sanità ha comunicato alla task force del ministero della Salute l’esito positivo del test di conferma. Il paziente per ora presenta “modesto rialzo termico ed iperemia congiuntivale“. L’Istituto sta coordinando l’organizzazione della sorveglianza epidemiologica. Nei casi di positività al primo test effettua le analisi di conferma comunicandole alla task-force del Ministero della Salute. “Con questa persona risultata positiva, un giovane tra i 30 e i 40 anni, abbiamo avuto pochi contatti in questi giorni”, raccontano gli italiani in quarantena alla Cecchignola. “Prima che fosse trasferito allo Spallanzani, lui si trovava in una stanza singola”.

Secondo gli ultimi dati globali sull’epidemia, sono ormai 565 i morti per il coronavirus – quasi tutti in Cina – mentre i contagi in tutto il mondo sono arrivati a 28.149 casi. Aumentano però anche le persone guarite, che sono più di mille. Intanto cresce l’attenzione sul caso della nave da crociera “Diamond Princess”, in quarantena al largo del Giappone dopo che sono stati accertati 20 casi di coronavirus: a bordo ci sono anche 35 italiani, Nessuno di loro, rassicura la Farnesina, è stato contagiato. (Fonte: www.ilfattoquotidiano.it)


CONDIVIDI SU:
Loading...

I commenti sono chiusi.